martedì 27 ottobre 2020

Dell'ecologia in politica. Non è la forma ma il contenuto. Una proposta di lettura

 Non è la forma, ma il contenuto.

Dieci anni esatti fa, era un sabato mattina in quel di Lambrate, si dava vita al progetto Ecologisti e Reti Civiche.
Presenti tanti ecologisti e ambientalisti che han fatto la storia.
Dal WWF, VAS, LEGAMBIENTE, ITALIA NOSTRA, LAV, LAC e i comitati di difesa ambientale.
Una bella giornata, intensa e impegnativa.
Poi, la storia delle scorciatoie, per arrivare alle candidature, a porre veti e ad escludere, penso sia nota ai più.
Potrei, forse, dovrei, dilungarmi. Ma penso basti un "sbagliare è umano, perseverare è diabolico", e, cerchiamo di imparare dagli errori del passato.
In quei 10 anni, abbiam cambiato il simbolo, personalmente, ho portato i verdi al 16,7% e al 6,3 % alle amministrative, sono stato il più votato nelle elezioni di secondo livello per Milano Metropolitana e dato ai verdi una presenza visibile e concreta.
Tanti altri, han fatto altrettanto, poi, invece di venir valorizzati ci si è persi in guerre di posizione interne.


Per evitare questo gioco suicida, ho scritto una mozione per il congresso regionale, la terza, per ritirarla e far vincere la mozione 2,con lo scopo di riportare equilibrio nei verdi nazionali, 1/6 dei cittadini italiani è lombardo, e quella operazione politica da me svolta, era più piemontese, trentina ed emiliana che lombarda.
Come "verdi di base", noi del Ticino, altomilanese, abbiamo sempre elaborato proposte politiche e sociali.
Dopo 10 anni è giusto tirar le somme e far due conti.
La storia e i movimenti ecologisti, ci confermano la bontà del progetto Verde.
Le scorciatoie che cambiano simboli e mantengono le solite dinamiche, o peggio, una deriva capitalista verde, rischiano di relegare i verdi sotto il 5%, e francamente, sotto il 5% un soggetto politico, è, sostanzialmente autoreferenziale. Pensiamoci.
Sostanza è forma.
Prima I contenuti, poi I contenitori.


Cosa dicono?
piccolo contenitore delle analisi che passano i nostri detrattori, o cosi pare: basti ricordare che viene citato Pippo Civati, che nel 2012, ricorderete, all'iniziativa contro Formigoni, non voleva far parlare i Verdi per occupare lui il nostro spazio politico (poi abbiam parlato con il portavoce Aprea).
Questo di Civati, come un esempio dei più evidenti, poi da citare, anche chi ha provato le scorciatoie che accenno sopra, inventando nuove aggregazioni, legittimate più o meno consapevolmetne da Bruxelles, ma senza una presenza sul territorio; e qua, dovrei dilungarmi per il caso recente dell'altro ieri di Ecolo e Green Italia. Operazione, se vista alla lontana meritoria, ma che, a mio avviso, salta dei percorsi di confronto democratico e federativo o meglio, confederativo (la differenza è abissale e non posso spiegarla qua, basti che a Scienze Politiche un terzo del programma di Diritto Costituzionale Comparato, verteva su questa distinzione e la cosiddetta guerra civile americana è stata combattuta tra federalisti e confederalisti).
Per non rendere troppo pesante e fine a se stesso questo articolo/magazzino di come ci dipingono gli altri, non proseguo nell'analisi, rimandando a una pubblica assise o iniziativa pubblica on line.
G.R.R.

VERDI ITALIANI

L’onda francese è arrivata dopo che i Verdi sono diventati una forza di governo in Irlanda, in Austria, in Finlandia. E in diversi land della Germania, dove ormai sono considerati il primo partito del paese. In generale tutta l’Europa è travolta dalle scosse  del nuovo ambientalismo, tranne l’Italia. I motivi di questa nomali sono diversi e non hanno nulla a che vedere con la sensibilità, o con lo scarso senso civico, dell’opinione pubblica. La questione climatica e i temi ambientali, secondo tutti i sondaggi d’opinione, sono in testa alle preoccupazioni degli italiani, prima perfino della paura per la disoccupazione e per i problemi economici del paese.

Pesa innanzitutto la scarsa credibilità delle classi dirigenti dei Verdi. Il caso più clamoroso è sicuramente quello di Alfonso Pecoraro Scanio, per sette anni (dal 2001 al 2008) presidente della Federazione dei Verdi e per due volte, con Giuliano Amato e con Romano Prodi, ministro dell’Ambiente. Travolto dagli scandali,  ai quali però, bisogna riconoscerlo, sono anche seguite alcune sentenze assolutorie, Pecoraro Scanio è uscito dal giro della politica attiva ed è tornato a occuparsi di ambiente attraverso una piccola nicchia associativa.

PARTITO VERDE IN ITALIA

Nel frattempo il tracollo della rappresentanza dei Verdi è stato spaventoso. Ancora agli inizi del Duemila potevano contare su 12 deputati e 12 senatori, a fronte di un primo ingresso in Parlamento nel 1987 con 13 deputati, quasi tutte donne. Di tutto ciò, sul piano della rappresentanza politica, dal 2008 non c’è più traccia. Zero.

Tornano in mente, a proposito della scarsa credibilità e del poco ossigeno che circola nelle classi dirigenti dei Verdi, le parole di Alex Langer, padre nobile dell’ambientalismo italiano e presidente dei Verdi europei: «Scontiamo un’alta litigiosità interna, tanta burocrazia da partitino e l’assenza di una leadership riconoscibile all’esterno». Era il 1993. E i Verdi nel 1989, mentre il vento soffiava sulle loro vele, proprio per i vari personalismi avevano fatto la sciocchezza di presentarsi alle Europee, con due liste, Verdi e Verdi Arcobaleno. Nonostante questo erano riusciti a portare a casa 1,3 milioni di voti, pari al 6,2 per cento. Altri tempi. Il timbro della burocrazia, talvolta abbinato anche a pratiche amministrative molto opache, avvolge per decenni l’universo verde italiano. Con la maglietta green si crea un ceto politico capace di occupare, a scacchiera, gli assessorati all’Ambiente nei comuni, nelle province e nelle regioni. E anche i consigli di amministrazione di tutti i parchi, nazionali e ragionali, e delle comunità montane dove ricadono territori particolarmente appetibili per la speculazione.

A questo ceto politico verde, dove si mischiano ottime persone con corrotti e personaggi legati agli appalti e alla criminalità, manca poi un elemento di fondouna vera coscienza ambientalista, una vera sensibilità, proiettata verso il futuro e non declinata solo con i verbi del passato, per lo sviluppo sostenibile. E manca perfino una buona conoscenza di base, non chiamiamola proprio cultura, della storia naturale e delle sue dinamiche.

PER APPROFONDIRE: Onda verde in Europa, sindaci in Francia, land in Germania e governo in Irlanda (foto)

DIFFICOLTÀ DEI VERDI IN ITALIA

A raccogliere i cocci di questa autentica estinzione della specie  restano poche voci, alcune anche molto generose, ma sempre nel deserto e nel vuoto che rende l’Italia anomala. Citiamo quelle che ci vengono in mente, scusandoci per tutte le altre dimenticate: Angelo Bonelli, Monica Frassoni, Grazia Francescato, Roberto Della Seta, Pippo Civati, Luigi Manconi, Edo Ronchi. Ognuno di loro fa qualcosa nell’area dell’ambientalismo militante, ma non esiste alcuna connessione reale e anche questo zoccolo duro di vecchia classe dirigente verde rischia l’irrilevanza. O peggio: una somma di piccole interdizioni per impedire a chiunque di ricostruire una casa comune dei Verdi in Italia. 

Se i dirigenti di una forza politica esplicitamente verde non ci sono e non si vedono, servirà infatti una nuova generazione e ci sono tutte le condizioni affinché venga fuori, i partiti tradizionali cercano, in modo del tutto surrettizio e talvolta comico, di rincorrere il voto verde, invece in crescita, specie tra i giovani. Al momento i flussi elettorali dicono che questi elettori si sono rifugiati, in grande maggioranza, nel Movimento 5 Stelle e nell’area dell’astensione. Restano scoperti invece i più importanti partiti del centrosinistra e del centrodestra.

A sinistra, ogni tanto un vecchio dirigente di origine comunista e post comunista si sveglia la mattina e annuncia: «Dobbiamo dare un’anima ambientalista al nostro partito». Come se bastasse dare una pittata verde per risolvere il problema e diventare così la sponda degli elettori più sensibili a queste tematiche. Parole in libertà, e arrivederci alla prossima intervista per coccolare i Verdi.

NECESSITÀ DI UN PARTITO VERDE IN ITALIA

A destra, le cose vanno ancora peggio. I partiti di quest’area sono inchiodati al vecchio schema da secondo Novecento così sintetizzato da un ministro conservatore tedesco: «I verdi sono come l’anguria. Verdi fuori e rossi dentro». Nulla di più vecchio e superato. Come dimostra il fatto che proprio in Germania, in diversi land, e in interi paesi dell’Europa del Nord, come l’Austria, i Verdi sono alleati organici di governi di centrodestra. E dettano l’agenda delle scelte politiche. Ovviamente esistono alcune eccezioni, come l’attività della parlamentare Michela Vittoria Brambilla con la sua Lega italiana per la difesa degli animali e dell’Ambiente. Ma anche qui il limite è politico: la Lega conta come associazione e non incide certo nelle proposte politiche e nell’azione quotidiana del centrodestra. Stesso discorso per alcuni amministratori locali di centrodestra che, sul territorio, sono molto sensibili ai temi dello Sviluppo sostenibile, ma non hanno alcun potere di incidere sulle politiche nazionali. Quelle decisive. 

D’altra parte, a fronte di tanti annunci su improbabili svolte green in Italia, e anche questo è un elemento che spiega l’estinzione dei Verdi, il ministero dell’Ambiente è sempre stato considerato di serie B. Sul piano dei contenuti e dal punto di vista delle persone che ne hanno avuto la responsabilità. Siamo arrivati all’assurdo che un governo di centrosinistra, la cui mission, a parole, era quella di modernizzare l’Italia, ha preferito sacrificare uno dei suoi uomini più preparati sui temi ambientali, Ermete Realacci, per dare la poltrona di ministro dell’Ambiente al commercialista di uno dei leader della maggioranza.

I ministri dell’Ambiente che hanno lasciato una traccia in Italia si contano davvero sulla punta delle dita. Quanto ai contenuti, anche qui basta dare uno sguardo all’Europa per rendersi conto dell’abisso che ci separa dai nostri partner. In Italia la competenza più importante che viene riconosciuta al ministero dell’Ambiente è quella di firmare certificazioni, come la Via (Valutazione di impatto ambientale), per opere pubbliche e investimenti privati. Un grande potere burocratico, non c’è dubbio, ma nulla di significativo dal punto di vista politico. Con il rischio che tra una firma e l’altra ci scappi anche l’imbroglio green.

ESEMPIO EUROPEO PER I VERDI ITALIANI

Negli altri paesi europei le cose stanno molto diversamente. In Francia, come in Germania, il ministro dell’Ambiente è di fatto un vero e proprio vice premier, al quale fanno capo tutte le scelte, comprese quelle delle politiche sociali, legate alla sostenibilità. In Austria, nello stesso dicastero dell’Ambiente ricadono le politiche energetiche e quelle dei trasporti. Capite bene quale differenza di peso separi l’Italia dal resto d’Europa, e come sia difficile con un ministero dell’Ambiente ridotto a sportello per pratiche varie anche solo immaginare una ripresa di peso politico dei Verdi.

Infine, nell’estinzione dei Verdi pesa ciò che viene prima e dopo la politica in campo ambientale. Parliamo di un universo di movimenti e associazioni con milioni di iscritti e migliaia di volontari all’opera. Macchine organizzative di grande portata come Legambiente, il WWF e il Fai. È singolare come in questi ambienti si riproducano, in termini più contenuti ma altrettanto devastanti, gli stessi vizi dei Verdi in politica. Quelli richiamati dalla profezia di Langer. Un’alta litigiosità, una corsa sfrenata ai posti di capi e capetti, tanta burocrazia, poche proposte davvero di ampia portata, una competizione che blocca qualsiasi fecondazione e impedisce un passaggio, in altre epoche quasi naturale, dal movimentismo alla politica attiva nelle sedi istituzionali della rappresentanza.

Possiamo immaginare una scadenza entro la quale l’anomalia italiana, paese di elettori verdi senza una rappresentanza di degno ceto politico di Verdi,  venga riassorbita? Che cosa ci aspetta anche considerando i temi in agenda, dal surriscaldamento climatico alle politiche per ridurre le diseguaglianze e rendere i paesi davvero più sostenibili?

NUOVO PARTITO DEI VERDI

L’ottimismo della volontà ci porta a dire che di fronte a una crescita così impetuosa  dei parti Verdi in Europa, l’Italia non potrà a lungo restare un’eccezione. Vedremo presto fatti e volti nuovi. E una spinta arriverà, come al solito, dal basso, come è avvenuto sulla scena mondiale grazie all’attivismo del movimento personificato dalla giovanissima Greta Thunberg. Una spinta a presidiare questo campo della rappresentanza arriva anche dall’Alleanza italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), presieduta dal professore Enrico Giovannini. Con la sua capacità di mettere insieme 270 istituzioni e reti della società civile sui temi della sostenibilità, al momento l’ASviS è il polo più importante che esiste in Italia su queste tematiche.

In compenso, per chiunque abbia fegato e cuore per spendersi con l’obiettivo di costruire un nuovo partito dei Verdi in Italia due cose devono essere chiare. La prima: serve una rappresentanza ad hoc, e non una testimonianza all’interno di un singolo partito politico. Secondo: un programma di base già esiste. È scolpito nei 17 goal dell’Agenda 2030 dell’Onu per lo sviluppo sostenibile. Da qui bisogna partire, e qui bisogna arrivare per dare anche all’Italia ciò che esiste in tutta Europa.

AGENDA POLITICA DEI VERDI

17 goal del programma Onu per lo Sviluppo sostenibile sono stati determinanti nella trasformazione genetica dei verdi. In tutta Europa. È andata così spegnendosi la lunga stagione dell’ambientalismo politico fatto solo di veti e rifiuti, con un tocco di cannabis e arcobaleno, e si è fatta strada una visione ecologica a 360 gradi. Più moderata, più pragmatica, ma anche con molta voglia di governare, di entrare nelle stanze dei bottoni. Approfittando della frammentazione degli altri partiti politici che apre grandi spazi a una forza politica ispirata alla sostenibilità-Onu.
Che cosa c’è oggi nell’agenda politica dei Verdi in Europa? I punti condivisi, comuni a tutti i partiti che hanno questa etichetta, sono la protezione dell’ambienteil rapporto con la natura e la lotta ai cambiamenti climatici. Su questi temi la piattaforma è comune.
Poi esistono le differenze, riconducibili anche a storie diverse. In Germania, per esempio, la tecnologia del 5G, con i relativi investimenti, non è vista come un pericolo, ma come un passaggio ineludibile di una società sempre più digitale. In Francia, invece, i dubbi sul 5G sono molto diffusi, specie nei piccoli centri del paese, mentre per i verdi francesi è fondamentale il ritorno in Europa delle produzioni industriali delocalizzati (i tedeschi si accontentano di rivedere nel vecchio continente l’industria farmaceutica e l’agricoltura).
Un altro livello di differenze tra i verdi europei è legato alla collocazione geografica. Nel Nord Europa (Finlandia, Svezia, Danimarca e Gran Bretagna) i verdi sono concentrati sulle battaglie ambientali, a partire dal cambiamento climatico. Nei paesi del Centro Europa (Olanda, Belgio, Austria e Lussemburgo) accanto alle preoccupazioni ambientali ci sono quelle per i diritti civili. Nell’Europa meridionale quello che resta dei partiti verdi è molto concentrato sui temi delle disuguaglianze economiche e sociali. In ogni caso, siamo sempre nel perimetro dell’Agenda per lo sviluppo sostenibile firmata dall’Onu.

da PANORAMA https://www.panorama.it/news/italia-verdi-elezioni-europee-voto

Da leggere, per vedere con quale superficialità, provano a liquidarci.

Mentre questo di Openpolis, fa finta di approfondire, ma da voce a chi ha fatto percorsi diversi e contrari ai verdi; come chiedere a un carnivoro, qual'è il segreto per un piatto vegan .

https://www.open.online/2020/06/30/in-francia-sono-unonda-in-europa-contano-e-ora-politologi-e-ambientalisti-si-chiedono-perche-i-verdi-in-italia-sono-cosi-irrilevanti/

Questo articolo ancora peggio se possibile, soprattutto quando parla della Leadership, come se non fosse dovuto ai media, l'assenza mediatica della leadershp visibile, basti pensare al caso della Meloni, descritta come prima leader donna di un partito europeo, ben sedici anni dopo la nostra stimata CoPresidente Monica Frassoni dal 2004.

https://thewam.net/verdi-europa-italia/

Repubblica, che chiede ad altri partiti dei Verdi, come se si chiedesse a un Ultras del Milan, se l'Inter potrà diventare forte

https://espresso.repubblica.it/plus/articoli/2020/07/23/news/verdi-italia-1.351041?preview=true

é evidente a tutti che sia la Schlein del eurodeputata del pd e Fioramonti, ex m5s, non vengono dai Verdi e vorrebbero governarli loro, senza un passaggio democratico e della base verde; soprattutto, se iniziano a far politica in formazioni politiche non ecologiste, come mai questa folgorazione sulla via di Damasco? ovviamente con tutta la stima possibile e le porte rimangono aperte, ma con umiltà, devoo fare un percorso all'interno dei verdi, non arrivare e gestire, questo, si, sarebbe uno smacco alla credibilità dei Verdi, che, RICORDIAMOLO, siamo il primo partito politico Europeo, fondato nel 2004.

Idem questo articolo di Money che ci attacca e avanza una serie di critiche pretestuose e infondate; come se a Berlino, i Verdi, non fossero a sinistra della sinistra e non siano stati riferimento dei movimenti sociali ed ecologisti, o come se a Munchen, non fossero stati i promotori del no alle olimpiandi, in quanto un danno socioambientale.

https://www.money.it/perche-Verdi-Italia-non-sfondano


Carissimi, questo sopra uno spunto di riflessione, già avviato sul sito della nostra federazione, ma, ahinoi, anche li, forse chiuso in una stanza romana con bravi ecologisti reduci dell'esperienza di Pecoraro, e una altra proposta di analisi lucida, che arriva dalla Romagna Estense.

Certo, è evidente, il tema è la comunicazione e saper comunicare, ma anche la democrazia interna;

stiamo crescendo, personalmente, nutro profonda stima per i nostri CoPortavoce Elena e Matteo, per Angelo, nostro coordinatore; so anche dei poteri che ci lavorano contro ed è per questo che dobbiamo coordinarci.

Per il resto, voglio salutarVi con un immenso abbraccio virtuale a Silvia e Claudio, che mi danno sorrisi ed energia, e sono un esempio, ai milanesi storici, a chi dal trentino, è un faro di concretezza ecologista, agli amici emilianoromagnoli, i toscani, i piemontesi e a tutti i verdi sparsi in Italia.

Amici, provano a farci sentir soli, ma anche il sole è solo quando sorge, ma poi, illumina tutto il mondo!

E vi confesso, che quando devo prender parola, in consessi dove ci vedono, neanche velatamente come nemici, penso a San Cristoforo e alla sua attraversata del fiume.

Eppur si va, siamo la consapevolezza in cammino e abbiamo la giusta ambizione di voler curare questo mondo malato; ad avviso di chi scrive, la democrazia interna può e deve essere una risorsa.



mercoledì 21 ottobre 2020

Video settembre/ottobre 2020 arte, politica e cultura

Di memoria e cultura, proviamo a scrivere briciole di storia;

frammenti d'arte, in luoghi di storia!

Nel castello Visconteo di Abbiategrasso, per una mostra fotografica, accompagnata da poesie in vernacolo; in Casa Giacobbe a Magenta, per un viaggio nel mondo, attraverso e grazie alle cartoline.

La difesa dell'Ambiente: Una proposta in quel di Ossona, l'intervento a nome dei Verdi della Lombardia all'assemblea No Discarica in quel di Busto Garolfo; l'assemblea completa, mentre le due videocamere, i 4 computer e 3 mixer dei volontari professionisti di Busto, perdevano il segnale, QuiMilano, proseguiva la diretta, che abbiam salvato e pubblicato integralmente.

I miei e dei Verdi, ringraziamenti per le elezioni regionali e amministrative con l'elenco dei nuovi eletti.

Dal primo ecofestival del Parco Sempione, lo spettacolo teatrale di Nora Picetti, "il rifiuto dei rifiuti".

L'appello al voto per il referendum costituzionale.

Un video a sostegno delle popolazioni dell'Amazzonia (inviatomi dal coordinatore nazionale dei Verdi)

Il mio intervento al cineforum di Magenta dopo la visione del film "I miserabili"

Intervento per i NoDiscarica all'assemblea cittadina dei comitati e spazi sociali.

Intervento al presidio dei docenti precari al provveditorato di Milano

Concerto all'Ideal di Magenta (ora XO) con "Il Dani"

Ossona contro il razzismo, in memoria di Willy

Intervento al pirellone in occasione della commissione infrastrutture e della seduta del consiglio regionale

Dal Santuario di Rho, lunedì 7 settembre, per spiegare la situazione no discarica in cava e i motivi dell'annullamento del presidio in regione lombardia.

Dalla Chiesa di San Salvatore in Casorezzo, riepilogo della mobilitazione No discarica

Concerto dei Sem giust in cinq, in occasione della festa di Ossona

In piazza a Casorezzo per smascherare i doppiogiochi in merito alla vicenda delle cave a rischio discarica

https://youtu.be/86h_WAVmj54





















mercoledì 14 ottobre 2020

Rinviato il congresso dei Verdi, da novembre 2020 a marzo 2021

 Dopo aver chiesto conferma alla coportavoce Elena Grandi, do pubblicazione del rinvio del congresso della federazione dei Verdi

Diamo pubblicazione solo dei punti non ritenuti sensibili e di utilità alla stampa.

nella riunione del 30 settembre 2020, a cui hanno partecipato anche i coordinatori del Gruppo Operativo Nazionale di Garanzia di Europa Verde (GONG), considerando preoccupante la nuova emergenza sanitaria dovuta al covid-19 che potrebbe culminare proprio nel periodo di novembre-dicembre, ha deciso all’unanimità di proporre allo stesso GONG di rinviare la data dell’Assemblea Costituente al 7 marzo 2020,

A seguito di ciò è stato deciso:

-         che l’Assemblea statutaria della Federazione dei Verdi, propedeutica alla Costituente Europa Verde, si svolgerà il 6 marzo 2021 (sabato);

-         che le assemblee provinciali per l'elezione dei delegati all'assemblea nazionale dovranno essere svolte sulla base degli iscritti alla Federazione dei Verdi dei tesseramenti 2019 e 2020 unificati;

-         che è stato istituto un gruppo di lavoro, di intesa con il Gruppo Operativo Nazionale di garanzia di Europa Verde (GONG), per la predisposizione delle modifiche statutarie necessarie che saranno discusse e approvate dal Consiglio Federale per proporle in Assemblea;

   Saluti Verdi e con preghiera di massima diffusione

   Francesco Alemanni

lunedì 5 ottobre 2020

Legnano Libera, Saronno anche! Bene i ballottaggi in tutta Italia. Merano conferma il Sindaco Verde

 E' certo presto per una disamina dettagliata del voto delle amministrative 2020, ma la gioia è tanta, soprattutto per la Lombardia, dove Legnano, dal punto di vista simbolico, è sempre stata fondamentale e segno di un cambio nazionale.

Per i Verdi, ottime le conferme dal Trentino, dove Merano vede vittorioso al ballottaggio il Candidato Sindaco dei Verdi.

Certo, i ballottaggi, sono frutto di una politica che va verso il maggioritario, ragion per cui, è sempre stato più agevole per le destre, dei padri padroni, aver vita facile; in questo mare magnum burrascoso, che l'Italia sta attraversando dal 4 marzo 2018, in più, l'emergenza sanitaria dovuta alla pandemia, han complicato ulteriormente le dinamiche.

Legnano libera è il coro che si è levato alle 16 di oggi a spoglio concluso; Lorenzo Radice è il nuovo Sindaco di Legnano a cui vanno i più sentiti auguri di buon lavoro a lui e a tutti i ragazzi che si sono messi all'opera. I verdi, a Legnano han provato la corsa solitaria, è stata una buona intuizione; un segnale che andava dato, poi, ovviamente si è sostenuto il candidato del centrosinistra, non per affinità ideologica o pregiudiziale, ma per il suo programma inclusivo e civico; si, siamo lontani ancora dalla germania, dove i Grunen (Verdi e civici) sono la seconda forza politica, dopo la CDU e prima dell'SPD, ma è un segnale che, ripeto, andava dato; 

nella gioia della giornata non mi dilungo, ma una parentesi sui verdi tedeschi, va fatta: Ecologisti e concreti, non per il greenwashing, come spesso accade in Italia; sostengono politicamente e fattivamente chi si oppone alle grandi opere inutili, come Stuttgart e la stazione dell'AV, come per le inutili Olimpiadi a Munchen (Monaco di Baviera); promuovono stili di vita sostenibili e li praticano; per un commercio locale e la riscoperta di comunità ecosostenibili, e.. mi sto tirando via il sassolino, promuovono il vegetarianesimo, la bicicletta, l'uso del trasporto pubblico, le fonti rinnovabili, ma.. dopo aver elimintato gli sprechi e rifiutano tout court una politica di lobbing verso le imprese che provano a fare "il lavaggio verde".

Hanno una classe politica che continua a crescere e variare, ma non sono ancorati a personalismi, settarismi e prese di posizione.

La gioia è tanta.

Domani è un altro giorno, la vittoria è dei cittadini liberi, contro i poteri forti, i Verdi, devono fare i Verdi, solo cosi arriveranno le affermazioni che la storia ci chiede.

Buon lavoro a tutti.

Ripartiamo da una narrazione ecologista.

mercoledì 30 settembre 2020

Bentornati Verdi di Cologno Monzese

Caro Diario, si iniziava una volta, su taccuini che poi venivano nascosti in luoghi inaccessibili e ironia della sorte, spesso dimenticati dagli scriventi.

 Ieri sera, dopo aver assistito all'imbarazzante e vergognoso consiglio comunale di Ossona, dove il Sindaco Venegoni, non rispondeva alle interrogazioni ma le faceva leggere al vicesindaco Giovanni Oldani, dove veniva negata l'evidenza e si prospettava un reato per falso in atto pubblico, ovvero, a seguito dell'aggressione, evidente e documentata da parte di Marino Venegoni, clik per video Aggressione Venegoni risponde dichiarando il falso e offendendomi.

Dicevo, dopo quel "grave" momento, sono stato invitato a partecipare all'Assemblea fondativa dei Verdi di Cologno Monzese, o meglio "rifondativa", dopo quasi un decennio, i verdi tornano a Cologno Monzese, e lo fanno in grande stile, con una buona affermazione elettorale, in un esperimento inedito per la politica italiana; esperimento che a differenza di due anni fa, ho considerato da subito interessante; mi riferisco all'alleanza programmatica col movimento 5 stelle, correlata da due liste civiche a sostegno del Verde candidato, l'Avv. Vincenzo Barbarisi. Quasi il 9% ma soprattutto, aver avviato un dialogo su temi e contenuti, e aver portato i temi ambientali, con competenza e serietà nel panorama politico di Cologno.

Una piacevole serata, dedicata, ovviamente all'analisi elettorale: brevemente, il topic, un astensionismo del 40%, un voto "adulto", a testimonianza della difficoltà di intercettare i giovani e soprattutto, in un contesto comunale, dove c'è stata l'esplosione di una marea di liste a sostegno dei candidati sindaci, la difficoltà di creare e fare politica, intesa come laboratorio di idee e proposte, più un mero tifo; è segno dei tempi che corriamo, come ci insegnano i casi di Cambridge Analitica, di Steve Bannon e de La bestia (l'agenzia di comunicazione web della lega) leghista.

Due consiglieri comunali per Verdi e M5s, senza farla lunga i migliori auguri di Buon Lavoro, a Monica e a Vincenzo, certi che daranno il meglio in consiglio comunale e saranno sostenuti dalle verdi e civiche energie che han dato vita a questo interessante e, speriamo, lungimirante, progetto politico.

G.R.R.  Verdi del Ticino

mercoledì 23 settembre 2020

I Verdi fanno 4! Elezioni Regionali 2020.

 VENETO Eletta Cristina Guarda, Verdi in coalizione col centrosinistra 34.647 voti pari al 1,69%

MARCHE  17.268 voti pari al 2,77%  un eletto verde 

CAMPANIA  Eletto Francesco Borrelli  Verdi in coalizione col centrosinistra 42.996 voti pari al 1,82 %

 PUGLIA   Verdi in coalizione col centrosinistra  63.725 voti pari al 3,8%

LIGURIA  Verdi in coalizione col centrosinistra  9193 voti pari al 1,43%

VALLE D'AOSTA eletta Minelli Chiara nella lista unica col pd con 752 voti

L'esperimento legnanese.

Un grazie, anzi, 879 grazie e complimenti a tutti per il coraggio di aver riportato il sole che ride (nella veste europea del girasole) sulla scheda elettorale e aver dato l'opportunità ai legnanesi di votare ecologista!

– ALESSANDRO ROGORA 3,36% – 944 voti

EUROPA VERDE: 3,37% – 879 voti

1. Andrea Moretti, 20 voti
2. Patrizio Vigna, 25 voti
3. Stefania Vallone, 5 voti
4. Francesca Regorda, 1 voto
5. Leonardo Viani, 17 voti
6. Gabriele Alli, 17 voti
7. Martina Ori, 12 voti
8. Francesca Ori, 1 voto
9. Angelo Pisoni, 14 voti
10. Prisca Girotti, 18 voti
11. Nicoletta Frattini, 5 voti
12. Andrea Giussani, 6 voti
13. Isacco Colombo, 8 voti
14. Marco Tridico, 21 voti
15. Fiorella Perfetti, 3 voti
16. Cristian Colombo, 0 voti
17. Cristina Ganini, 1 voto