venerdì 27 novembre 2015

Giobbe Covatta è il nuovo portavoce dei Verdi

Giobba Covatta, da sempre impegnato sui temi dell’ambiente e della solidarieta’, sara’ “la voce” dei Verdi che lo hanno eletto portavoce con il 98% dei voti nella XXXIII Assemblea di Chianciano Terme. Com'e' facile immaginare Giobbe non sara' il classico leader politico ma una figura che per avvicinare il messaggio ecologista e tutte quelle persone alle quali questo messaggio non e' arrivato per fa si che le sfide per l'ambiente, per la salute e per il clima diventino patrimonio di molti.

Da sempre vicino ai Verdi Giobbe ha dato la sua disponibilità a sostenere i progetti dei Verdi con l’obiettivo di riportare al centro della politica tematiche che, ormai sono state espulse dal dibattito. Quella di Chianciano, cominciata con un minuto di silenzio nei confronti degli attentati di Parigi che hanno sconvolto i delegati verdi e che sono stati definiti dagli ecologisti come “nuove forme di nazismo”, è stata una due giorni intensa in cui non solo è stato eletto il nuovo portavoce ma sono stati rinnovati anche gli organismi dirigenti del movimento ecologista, l’Esecutivo Nazionale e il Consiglio Federale Nazionale.

notang in regione Lombardia 26 11 2015

giovedì 12 novembre 2015

Assemblea Nazionale dei Verdi 2015. I delegati dell'Est Ticino


L'Assemblea Metropolitana dei Verdi di Milano ha nominato i delegati per l'assemblea nazionale che rappresenteranno il territorio e gli iscritti Verdi della provincia di Milano (ora Città Metropolitana).
Il territorio dell'est ticino, esprime 6 delegati all'assemblea nazionale dei Verdi:
i consiglieri comunali: 
Domenico Finiguerra (Abbiategrasso); 
Ivo Colombo (Boffalora sopra Ticino) e 
Gilberto Rossi (Ossona).
gli attivisti:
Paola Chiodini, Maurizio Fusè e Carla Mainini

L'assemblea Metropolitana Milanese si è espressa all'unanimità a sostegno della mozione che vede la proposta a portavoce nazionale dei Verdi di Giobbe Covatta




lunedì 26 ottobre 2015

CONTINUIAMO IL CAMMINO VERDE

Questo è il testo della mozione politica che l'assemblea metropolitana milanese ha votato e approvato nell'assemblea di domenica 25 ottobre 2015

MOZIONE POLITICA 
CONGRESSO DI CHIANCIANO 14 e 15 novembre 2015
 CONTINUIAMO IL CAMMINO VERDE … 

La nostra Assemblea si svolge alla vigilia della Conferenza climatica (COP21), che avrà luogo a Parigi, dal 30 novembre al 11 dicembre.
"I cambiamenti climatici costituiscono una delle principali sfide attuali per l’umanità" 
scrive papa Francesco nella enciclica “Laudato Si’ - Sulla cura della casa comune”,
ponendo la questione ambientale e l’urgenza di una reale conversione ecologica al centro del suo messaggio che rivolge a credenti e non credenti, chiamati tutti ad assumere la necessaria responsabilità per ristabilire l’equilibrio tra umanità e ambiente vitale ed operare i mutamenti indispensabili per affermare una vera giustizia sociale globale.
Una svolta epocale.
Parlare di cura e di casa comune significa ribaltare la prospettiva delle cose che contano e che sono alla base della stessa civiltà umana, accogliendo e valorizzando quanto elaborato e proposto dal pensiero filosofico e politico delle donne. “Preserviamo la capacità delle donne di dar da mangiare al mondo” afferma la scienziata ecologista Vandana Shiva”, che lotta da decenni per mettere al bando monocolture, OGM, pirateria dei semi, brevettazione del vivente, che stanno depredando le donne del cosiddetto Terzo Mondo, la loro creatività e capacità innovativa e decisionale. Nella geografia planetaria dei conflitti sociali, politici e ambientali, emerge una soggettività femminile, che mette in discussione non solo il modello di sviluppo economico, ma anche il sistema simbolico di origine patriarcale che lo sostiene. Il futuro del pianeta e dell’umanità dipende in parte determinante da questo movimento e dall’alleanza delle donne con gli uomini nell’orizzonte di un mutamento profondo soggettivo e relazionale. Il messaggio del Papa arriva in un momento in cui le conseguenze drammatiche dei cambiamenti climatici sono sempre di più, giorno dopo giorno, sotto i nostri occhi. Saranno quasi 200 milioni i profughi climatici previsti dall’Onu entro il 2050 che fuggiranno da aree desertificate, carestie e guerre per il controllo delle risorse naturali. La pressione anche sui paesi meno compromessi sarà enorme. Il cambiamento climatico colpisce e colpirà in modo più severo le donne dei paesi più poveri, che hanno il compito di produrre il cibo, nutrire e allevare i bambini e le bambine. Le donne profughe climatiche sono tra i 20 e i 26 milioni, l’80 per cento del numero complessivo. Meno del 1 per cento dei fondi destinati al contrasto degli effetti del cambiamento climatico è riservato in modo specifico alle donne nei paesi più colpiti. Anche in Europa e in Italia gli effetti dell’inquinamento e la crisi ambientale e climatica condizionano negativamente la vita della popolazione e dell’economia. Secondo lo studio “Economic cost of the health impact of air pollution in Europe”, reso noto dall’ufficio regionale per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse), «il costo economico dei circa 600.000 decessi prematuri e malattie provocate dall’inquinamento in Europa, raggiungevano, nel 2010, la cifra di 1.600 miliardi di dollari», ovvero 1.463 miliardi di euro. Un ammontare che equivale circa al 10% del Pil dell’Unione Europea. Non abbiamo tempo da perdere abbiamo una sola Terra e la dobbiamo difendere! Le nostre storiche battaglie di decenni hanno prodotto e stanno producendo risultati nel campo dell’energia rinnovabile, del consumo del suolo, della difesa della biodiversità e della sicurezza alimentare. Ma sono risultati ancora assolutamente insufficienti, se pensiamo che la grande sfida della conversione ecologica della società e dell’economia ha bisogno di politiche economiche, sociali, urbanistiche e culturali più determinate e decisive per fermare il dramma del riscaldamento globale e delle povertà sociali. Guardiamo con grande attenzione alla svolta impressa da papa Francesco e al ruolo culturale e spirituale che il dialogo interreligioso potrà svolgere sulla presa di maggiore consapevolezza della crisi ecologica del pianeta. Già altre guide spirituali si erano espresse sull’urgenza di cambiare modello di sviluppo per salvare la Terra e il suo futuro, a partire dal Dalai Lama. L’azione culturale e politica dei Verdi italiani nei prossimi anni sarà quella di costruire alleanze nella società per iniziative e proposte comuni tra credenti e non credenti per salvare Madre Terra, perché la lotta ai cambiamenti climatici per una conversione ecologica dell’economia e della società va insieme e di pari passo alla lotta a tutte le povertà, in un mondo diviso tra poveri sempre più poveri e ricchi sempre più ricchi. Oggi la crisi economica e la crisi ecologica sono legate tra di loro in maniera inestricabile. Non si affronta l'una, senza affrontare l'altra. Di qui la necessità di dare voce alle popolazioni più povere e vulnerabili. Essere ecologisti oggi significa difendere l’ambiente ma anche garantire, lavoro, casa, cibo, acqua, salute, istruzione e cultura per tutti i cittadini della Terra. Per questo è indispensabile operare cambiamenti radicali, abbandonare i combustibili fossili e realizzare una vera democrazia energetica, con fonti rinnovabili al cento per cento, entro la metà di questo secolo. Il passaggio dell’Enciclica in cui si afferma che “la tecnologia basata sui combustibili fossili, altamente inquinanti – specialmente il carbone, ma anche il petrolio e, a un livello minore, il gas – devono essere sostituiti gradualmente e senza ritardi” è un chiaro messaggio diretto a investitori, amministratori delegati e leader politici affinché accelerino la rivoluzione energetica verso fonti pulite, al risparmio e all’efficienza energetica. In questa direzione e con questo spirito lanciamo un appello al governo italiano affinché cancelli le norme previste dal decreto Sblocca Italia che consentono le trivellazioni selvagge per la ricerca del petrolio nei nostri mari e nei territori, tutti tra l’altro a vocazione agricola e turistica. Come Verdi italiani apprezziamo la storica decisione di dieci Regioni, tra cui la Campania, dove i Verdi in Consiglio regionale hanno avuto un ruolo centrale nella scelta effettuata, di chiedere il referendum abrogativo delle norme sulle trivelle selvagge approvate dal governo italiano e sosteniamo con forza l’azione del coordinamento nazionale NoTriv. In questi primi due anni e mezzo di legislatura non possiamo non rilevare che il Parlamento italiano a guida centrosinistra e con una consistente forza di opposizione rappresentata dal M5S, che dichiara una marcata sensibilità ecologista, ha approvato provvedimenti (dallo Sblocca Italia che accelera su grandi opere, inceneritori, silenzio assenso, trivellazioni, ad alcuni aspetti della legge sugli ecoreati) che hanno provocato una riduzione delle tutele ambientali e quindi sanitarie e un grave arretramento rispetto all’Europa sulle politiche ambientali. Non dobbiamo dimenticare che i Verdi italiani, ai loro inizi con una piccola, ma significativa, presenza di quattordici e poi di ventuno parlamentari, sono riusciti ad ottenere importanti provvedimenti di legge che hanno cambiato in meglio il nostro paese: la Legge quadro sui parchi, che ha consentito la costituzione dei parchi che abbiamo in Italia è frutto dell’iniziativa e azione politica dei Verdi, così la Legge di regolamentazione della caccia, come pure la normativa sulla biodiversità, sui diritti animali, sulla difesa delle area agricole dalla speculazione dei finti piromani, sugli Ogm, sulle fonti energetiche rinnovabili con il conto energia che ha portato oggi l’Italia ad avere il 38% di energia prodotta da rinnovabili, i provvedimenti nazionali per l'agricoltura biologica e biodinamica (che oggi presenta un aumento importante nelle esportazioni, nei consumi interni e nel numero di aziende di coltivazione e trasformazione), le norme a sostegno delle medicine non convenzionali e dell’omeopatia, la legge quadro sulla mobilità ciclistica, la norma sul libero e gratuito accesso al mare. I Verdi conseguirono questi importanti risultati, grazie alla capacità di confronto, dialogo e convincimento, rinunciando allo scontro ideologico fine a se stesso e privilegiando i contenuti rispetto agli schieramenti e alleanze precostituite. I futuri Verdi dovranno recuperare alcuni elementi fondamentali e fondanti della loro nascita, patrimonio comune della famiglia verde europea, a partire dal confronto programmatico aperto a tutte le forze politiche e sociali per rinverdire la nostra economia e società, rendere vivibili le nostre città, salvaguardare il paesaggio, i beni culturali, la qualità della vita e le relazioni tra le persone. Sulla base di alcuni punti programmatici per noi irrinunciabili, come la lotta ai cambiamenti climatici, a tutte le povertà sociali, al dissesto idrogeologico, alle grandi opere inutili e dannose, alla tutela del territorio e del paesaggio e alla compromissione dei delicati equilibri dei servizi eco-sistemici e alla difesa dei diritti degli animali, i Verdi apriranno un confronto aperto nella società, con movimenti e comitati civici/ambientalisti locali, associazioni, sindacati, forze politiche e gruppi parlamentari di maggioranza, di opposizione e naturalmente con il Governo. In una fase così straordinariamente delicata per il nostro paese e per il pianeta intero, i Verdi italiani sono chiamati ad una forte assunzione di responsabilità che consenta di raggiungere importanti obiettivi per il futuro dell’Italia. Ma la condizione imprescindibile è la coesione interna che porti ad una gestione più ampia e allargata dei Verdi. Riteniamo importante, in un tempo della politica ove tutto è personalizzato e ove i partiti puntano su leadership mediatiche che talvolta sfociano nel modello populistaplebiscitario, dare un segnale diverso. Per queste ragioni proponiamo di rilanciare una gestione collegiale della Federazione, sospendendo l’elezione dei due portavoce, assumendone compiti e funzioni all’interno del gruppo esecutivo composto da donne e uomini scelti dall’Assemblea, prevedendo in questa fase la carica di Portavoce che ha il compito di rappresentare e promuovere all’esterno il messaggio ecologista e verde. I Verdi devono continuare il loro cammino d’informazione, di battaglia in difesa della vita e per la conversione ecologica come tenacemente fatto nella straordinaria battaglia tarantina. I Verdi devono impegnarsi per costruire luoghi di confronto politico e culturale tra tutti gli ecologisti, le realtà civiche, le forze e le migliori intelligenze, per pensare e dare concreta realizzazione ad una società, ove la tutela e il perseguimento della salute e del benessere psicofisico delle comunità e dell’ambiente prendano il posto delle azioni e delle dinamiche basate sullo sfruttamento umano e la depredazione delle risorse naturali, paesaggistiche e culturali del paese. Metteremo al centro della nostra azione politica i territori, promuovendo le donne e gli uomini radicati sia politicamente che elettoralmente. I Verdi dovranno aprire le loro liste ad associazioni, realtà civiche ed ecologiste al fine di eleggere il maggior numero di rappresentanti istituzionali privilegiando quelle alleanze che mettano al centro le politiche di giustizia sociale, dei diritti civili e di tutela ambientale al di fuori di ogni forma di settarismo o estremismo. Siamo ignorati dai grandi mezzi d’informazione, come sono ignorati i temi ecologisti, con un’informazione tutta avvitata nel pettegolezzo, nella politica urlata e volgare, senza proposta. Nonostante ciò, il messaggio ecologista e verde di trent’anni or sono non solo è di estrema attualità, ma comincia ad essere assunto, seppure in modo contraddittorio, nell’agenda politica mondiale. Questo è anche nostro merito. Ed è per questo, che il cammino Verde deve continuare, nella consapevolezza che sarà necessario colmare il deficit di etica della responsabilità tanto in chi governa quanto nella cittadinanza, auspicando e lavorando per quel cambiamento culturale nel Paese che consentirà anche a noi Verdi di avere i giusti consensi e contribuire così di più a cambiare l’Italia. I Verdi sono il simbolo più antico della storia della politica italiana, ma porta un messaggio di cambiamento e di innovazione tra i più attuali, nuovi ed efficaci. I Verdi saranno la forza politica che si batte contro gli egoismi, contro le stragi del mediterraneo e i fili spinati che respingono i profughi, i rifugiati e i migranti costruendo, a partire dall’Europa, politiche di accoglienza, di cooperazione, solidarietà e pace in quei paesi dell’Africa e del Medio Oriente che subiscono guerre, carestie e fame. La nostra visione dell'Europa è un'Europa che costruisce politiche economiche solidali, sostenibili atte a garantire più giustizia sociale e i diritti civili e umani. Per queste ragioni non ci riconosciamo nelle attuali ricette economiche di austerità che hanno provocato tanta povertà e peggiorato la qualità della vita di decine e decine di milioni di cittadine e cittadini europei. In tale senso siamo impegnati insieme ai Verdi Europei per chiedere la modifica dei trattati europei a partire da quello di Lisbona e ad opporci alla ratifica del Ttip –il trattato commerciale di libero scambio tra USA e UE- che mette a rischio la sicurezza alimentare, ambientale e la salute dei cittadini, nonché la tipicità dei prodotti delle terre italiane, compromettendo il lavoro di decenni di molte realtà produttive locali. Lo scandalo Volkswagen, che non è un caso isolato, dimostra quanto una parte consistente del sistema industriale globale opponga una forte resistenza, anche truffaldina, a quell’innovazione tecnologica che consente di abbattere l’inquinamento, creare migliori condizioni di lavoro e di vita per i cittadini. Noi Verdi dobbiamo essere sempre di più la forza politica dell’innovazione e del cambiamento per creare le condizioni di un nuovo modello di sviluppo economico, favorendo il passaggio verso la terza rivoluzione industriale. I Verdi italiani lavoreranno con il partito Verde europeo, di cui sono cofondatori e componenti attivi, per dare forza e impulso alla realizzazione degli Stati Uniti d’Europa, lottando contro i neopopulismi, le chiusure identitarie e nazionalistiche, le visioni di breve periodo, la prevaricazione dei poteri lobbistici, economici e finanziari, seguendo l’ispirazione dei grandi federalisti europei, a cominciare dall’italiano Altiero Spinelli.
Nel ventennale della morte di Alexander Langer, che dei Verdi italiani è stato uno dei principali promotori e fondatori e che per anni ha avuto la responsabilità del Gruppo verde al Parlamento europeo, vogliamo raccogliere con più forza e convinzione il suo insegnamento europeista ed ecologista, pacifista e nonviolento, per ridare vitalità e credibilità politica, culturale ed etica al messaggio ecologista.

"E’ per le ragioni da noi esposte in questa mozione, delle modifiche statutarie proposte e per imprimere nella società italiana una forte svolta del messaggio culturale e politico Verde che candidiamo al ruolo di portavoce
GIOBBE COVATTA,
che ringraziamo per aver accettato, convinte e convinti che lavorerà con noi, mettendo a disposizione la sua grande umanità, intelligenza del mondo e capacità comunicativa, per costruire un’Italia solidale, giusta ed ecologicamente sostenibile"

http://www.verdi.it/


giovedì 15 ottobre 2015

“Agricoltura e piccola impresa: quale futuro con il TTIP?”

Gli Ecologisti del Ticino e i verdi del territorio, sostengono 
le iniziative del comitato abbiatense STOP TTIP


“Agricoltura e piccola impresa: quale futuro con il TTIP?”

Il comitato Abbitense STOP-TTIP promuove un incontro pubblico venerdì 16 ottobre ore 20.45 presso la Chiesa dell’Annunciata, in via Pontida ad Abbiategrasso, sugli impatti che questo accordo avrà sulle attività produttive più rilevanti della nostra zona, cioè l'AGRICOLTURA, le PMI (Piccole e Medie Imprese), il COMMERCIO. Trovate allegato il volantino.

Approfondiremo l'argomento con alcuni esperti: 

ROBERTO SPIGAROLO, docente di Agraria presso l’Università degli Studi di Milano, 
DARIO OLIVERO, presidente Confederazione Italiana Agricoltori di Milano. 

Presenta e modera l’incontro: 
FIORELLO CORTIANA, coordinamento Lista Costituente per la Partecipazione.


Ricordiamo che questo trattato, ancora in discussione, avrà un campo d'azione estremamente vasto: si va dalla meccanica alla chimica, all'agroalimentare, ai servizi, ai 

Abbiategrasso: mafia e commercio. 8 10 2015




Importante iniziativa della Carovana Antimafia dell'Ovest Milano
interventi di:
· Brunella Agnelli – Unione Confcommercio Associazione territoriale di Abbiategrasso.
· Cinzia Franchini - Presidente nazionale CNA-FITA.
· Andrea Ferrari - Presidente coordinamento nazionale Enti Locali per la pace.
Modera 
- Luciano Scalettari – Giornalista di Famiglia Cristiana.


intervento di
Brunella Agnelli – Unione Confcommercio Associazione territoriale di Abbiategrasso.

intervento di
 Cinzia Franchini - Presidente nazionale CNA-FITA

intervento di 
Andrea Ferrari




http://cambiamoossona.blogspot.it/
http://www.verdilombardia.it/





arte e cultura. MON(D)OPOLIS laboratorio teatrale M.U.R.I. Ossona 3 10 2015

pare quanto meno necessario dar notizia di pratiche e progetti di evoluzione e inclusione, mentre tanti per nascondere le responsabilità politiche, urlano al diverso, e fomentano paure.
una stupenda iniziativa in quel di Ossona





‪I Verdi‬ hanno deciso di candidare ‪Giobbe Covatta‬ come portavoce ed ambasciatore delle battaglie ecologiste.

‪I Verdi‬ hanno deciso di candidare Giobbe Covatta‬ 
come portavoce ed ambasciatore delle battaglie ecologiste. 
Come ambientalisti siamo grati e crediamo che questa scelta coraggiosa da parte di una persona eccezionale come quella di Giobbe, che ha sempre messo nel corso della sua vita e della sua carriera al centro dell'attenzione i temi del disagio sociale, dello sfruttamento delle risorse, della difesa dell'ambiente, dei cambiamenti climatici e della povertà, 
possa rilanciare nell'agenda politica italiana la sensibilità dei cittadini verso i temi della conversione ecologica della società e dei modelli produttivi al fine di regalare alle prossime generazioni 
un futuro migliore e sostenibile .

verso l'assemblea nazionale 2015






Comunicato stampa: arresto Vice Presidente Regione Lombardia

riporto il comunicato della federazione lombarda dei Verdi


Comunicato stampa: 

arresto Vice Presidente Regione Lombardia

Milano, 13 ottobre 2015.
Stamani l’arresto di Mario Mantovani vicepresidente della regione Lombardia è l’ultima dimostrazione della profonda crisi dell’attuale classe dirigente.
Per questo i Verdi Lombardi chiedono le dimissioni della giunta lombarda che ha messo le mani non solo sulla sanità lombarda ma su tutti i settori dove possono verificarsi favori nei confronti dei propri grandi elettori.
I Verdi lombardi osservano, con grande speranza al futuro e per il bene di uno dei territori più importanti d’Italia e d’Europa, che la politica deve prendere atto di una situazione insostenibile e irrimediabilmente compromessa facendo un passo indietro per ridare al più presto la parola alla cittadinanza.
La crisi della classe politica che da decenni amministra Regione Lombardia deve essere trasformata in un’occasione da non perdere per rinnovare e costruire progetti innovativi e sostenibili insieme alle tante forze positive che lavorano nell’interesse del bene comune.
Le forze positive e responsabili ci sono!
 Facciamo appello a tutte le forze della società civile, volontariato, imprese, mondo della scuola, dell’università e della ricerca, studenti, movimenti, amministratori, liberi cittadini, affinchè si uniscano per progettare e condividere una regione legale, onesta e sostenibile capace di far vincere alla straordinaria laboriosità lombarda tutte le sfide di un mondo globalizzato e ancora contradditorio.
 
I coportavoce regionali
Elisabetta Patelli e Aldo Guastafierro




venerdì 2 ottobre 2015

Erbe selvatiche dal bosco alla tavola MANGIASANO 2015




Le erbe selvatiche dal prato alla tavola 
 Per uno sviluppo di un’economia agricola basata sulla relazione e sulla tutela della biodiversità”
 sono state anche al centro della decima edizione di “Mangiasano”,
 l'iniziativa promossa ogni anno da Vas in tutta Italia 



Cambiamo Ossona 29 settembre 2015




conferenza stampa

Ossona   29 settembre 2015

conferenza stampa:

comunicazione senatrice Paola De Pin aderisce ai Verdi

trasporto pubblico locale, treni e bus

le attività di Cambiamo Ossona

proposta di legge di iniziativa popolare per l'elezione del Sindaco

e del Consiglio della Città Metropolitana



http://cambiamoossona.blogspot.it/

http://europeangreens.eu/

http://www.verdilombardia.it/

http://www.verdi.it/




mercoledì 30 settembre 2015

No Trivelle AVANTI CON I REFERENDUM E PER LA DEMOCRAZIA!

dal Coordinamento Nazionale No Triv
AVANTI CON I REFERENDUM E PER LA DEMOCRAZIA!
Con il deposito in Cassazione dei 6 quesiti referendari no-triv fortemente voluti dal Coordinamento Nazionale No Triv assieme ad altre 200 associazioni, ben 10 Regioni hanno restituito ai cittadini il diritto di decidere di se stessi e del futuro dei rispettivi territori.
Si tratta di un fatto straordinario ed unico nella storia dell'Italia Repubblicana, il cui significato va ben oltre la pur importante dimensione energetica.
Sugli egoismi ed i tatticismi hanno prevalso il merito delle questioni e la pressione esercitata sulle Assemblee Regionali da movimenti, comitati ed associazioni.
Sul piano istituzionale, il Governo dovrà fare i conti con una mutata realtà e con mutati rapporti di forza nel Paese.
Quanto alle scelte energetiche, l'esercizio dell'opzione referendaria consentirà al Paese di riaprire una partita che sembrava già persa all'indomani del varo della Strategia Energetica Nazionale: i quesiti sull'art 38 rimettono in discussione il nuovo sistema di governance che gli ultimi tre Governi hanno tentato di imporre a suon di leggi e decreti (Sblocca Italia su tutti); quello "secco" sull'art. 35 mira ad infliggere un duro colpo alle mire delle compagnie petrolifere, a salvaguardare i nostri mari e a prevenire qualsiasi tentativo di ritorno al passato (abolizione del limite delle 12 miglia con conseguente rilancio di investimenti nell'Oil&Gas per 3,5 miliardi di euro) da parte di un Governo apertamente schierato sul fronte delle energie fossili e che non è nuovo ad "imprese" del genere.
I referendum non sono un punto di arrivo ma un punto di partenza di cui si avvertiva da tempo un gran bisogno.
Una delle poche note liete in una lunga e triste stagione color nero-petrolio.
Qualsiasi muraglia è fatta di tante pietre. La prima -importante- è stata posta questa mattina grazie ad un'intuizione del Coordinamento Nazionale No Triv, al lavoro ed alla tenacia di chi crede ancora e pratica il valore della partecipazione alle scelte che interessano tutti noi.
Non è forse questa l'essenza della libertà e della democrazia?
Roma, 30 settembre 2015
Coordinamento Nazionale No Triv



sabato 26 settembre 2015

Green City Conference Helsinky 25-26 settembre 2015

In attesa dei documenti ed elaborati dei convegni, qualche immagine dell'incontro dei Verdi Europei svoltosi a Helsinky
Greens from all over Europe gathered in Helsinki for the Green Cities Conference, 
between 25 - 26 September.
A fantastic programme covered a wide range of Green topics relevant to today's cities, from transport and tourism to combating poverty and women in politics.
Here are some shots from behind the scenes!

Verdi da tutta Europa si sono riuniti a Helsinki per la "Green City Conference"  tra il 25-26 settembre.
Un fantastico programma comprendeva una vasta gamma di verdi argomenti, 
importanti per le città di oggi, dai trasporti al turismo alle proposte per combattere la povertà e per le donne in politica.



venerdì 18 settembre 2015

Seminario Politico Verdi Roma 20 9 2015





Abbiategrasso 24 9 2015 Castello Assemblea NoTangenziale



Pendolari 22 9 2015 Magenta h.21 Casa Giacobbe

Milano - Novara, 14 settembre 2015
AVVISO RIUNIONE
IN DATA 10 AGOSTO SAREBBERO DOVUTE ARRIVARE LE RISPOSTE DA PARTE DELL’ASSESSORE REGIONALE ALLA MOBILITA’ SORTE ALLE NOSTRE RICHIESTE ESPOSTE DURANTE L’INCONTRO CHE ABBIAMO AVUTO CON LUI IN REGIONE LOMBARDIA IL 27 LUGLIO SCORSO.
AD OGGI PERO’ C’E’ SOLO SILENZIO.
QUESTA MANCANZA DI RISPETTO NON E’ ACCETTABILE E PERTANTO E’ NECESSARIO INCONTRARCI E DECIDERE QUALI INIZIATIVE INTRAPRENDERE.
ALLA RIUNIONE SARANNO PRESENTI ANCHE GLI AMMINISTRATORI COMUNALI CHE CONTINUANO AD APPOGGIARE QUESTA NOSTRA LUNGA E FATICOSA BATTAGLIA.

CI VEDIAMO DUNQUE

MARTEDI’ 22 SETTEMBRE
ore 21.00
presso Casa Giacobbe – Magenta
(ingresso da Via IV Giugno civ. 78)





mercoledì 16 settembre 2015

Sabato 12 settembre 2015; presidio democratico, convocato dall'ANPI

Sabato 12 settembre 2015; presidio antifascista e democratico, convocato dall'ANPI 

Nel mio breve intervento di sabato mattina ho voluto evidenziare come i neofascisti non vengono fuori dall'oggi al domani, ma hanno un retroterra che è fatto dalle ambiguità con la lega nord e altri sodali, siano pennivendoli piuttosto che sportivi o altro, e che l'antifascismo e i valori di democrazia, giustizia e libertà, non van rispolverati solo in queste occasioni, ma nel quotidiano; 
poi, ho raccontato degli attacchi personali che fanno i razzisti e leghisti (mai con argomenti politici, ma solo sul personale), come dire; per nascondere la politica e buttare tutto in rissa e in vacca.

Poi, di cose da dire ne avevo tante, dalla minaccia di denuncia dell'assessore leghista per aver riportato un articolo di Saverio Tommasi alle balle che raccontano i leghisti sui partigiani... e altro ancora...
ma in un secondo, m si è chiuso lo stomaco, ho sentito e capito che stavo commettendo l'errore di dare peso ai "rifiuti della storia" e che in ogni azione dobbiam portare qualcosa di positivo, anche di fronte alla situazione più negativa.....
Mi è volato il pensiero a Gianfranco Maris, partigiano, avvocato e ex vicepresidente nazionale ANPI, al giorno che Milano l'ha salutato, era il 17 agosto, pochi giornii fa e... boh, poi mi son fermato li, l'attualità del messaggio di Maris, rivive nelle nostre azioni e voglio condividere con voi, il commosso saluto della nipote che ricordando la vita e gli insegnamenti del nonno ci invita ad andare avanti, per la memoria, per la storia, per il presente, ma soprattutto per il domani.

10 minuti per ricordarci il senso e il peso della libertà e che non dobbiamo mai dare nulla per scontato e dovuto.

Ho rilasciato anche una breve intevista a oknotizia e al corriere altomilanese
eccoVi il link per il video

https://www.facebook.com/gibogilbertorossi/videos/vb.615343438599262/708525579281047/?type=3&theater

e una brevissima scena da Novecento
https://www.facebook.com/gibogilbertorossi/videos/vb.615343438599262/708400585960213/?type=3&theater

giovedì 10 settembre 2015

non bruciate il futuro. Regione Lombardia 8 settembre 2015





http://cambiamoossona.blogspot.it/2015/09/non-bruciate-il-futuro-regione.html





interviste a
 Barbara Meggetto   Legambiente
Oreste Magni  Ecoistituto del Ticino
Fulvio Aurora Medicina Democratica
Giuseppe Marazzini  cons. com. Legnano sinistra
Gianmarco Corbetta cons. Reg. m5stelle
Gilberto Rossi  cons. com. Ossona
Igor Bonazzoli  vicesindaco Arluno 



giovedì 27 agosto 2015

i primi articoli online 2003.2004

navigando nel mare magnum del web, tornano a galla, i primi articoli
dal sito web di informazione del magentino


Casorezzo, l'affaire "zucchi"
http://www.failacosagiusta.it/lavoro_zucchi.aspx

Vittuone, parco agricolo sud milano e centro commerciale
http://www.failacosagiusta.it/ambiente_nocentroprov3.aspx

un invito alla lettura
http://www.failacosagiusta.it/artecultura_religionecpre.aspx




domenica 16 agosto 2015

foto

qualche foto

Milano 

l'Italia Cambia Strada per una mobilità nuova 4 maggio 2013 Milano

   https://www.youtube.com/watch?v=1ToQs_S_YP8

Abbiategrasso Castello Visconteo

con Monica Frassoni CoPresidente dei Verdi Europei

con Mario Tozzi

Assemblea Nazionale 2013 Federazione dei Verdi  Chianciano Terme 

con Dani Cohn Bendit

presentazione de Il sistema Sesto in piazza Litta a Ossona

Mobilità sostenibile: presentazione a cura di VAS del viaggio di Fabio Temporiti

Domenico Finiguerra e Angelo Bonelli

con il vicepresidente del Senato Brasiliano a Magenta 

con Jacopo Fo alla "libera università di Alcatraz"


il manifesto per le elezioni ossonesi del 2014

Cambiamo Ossona: le proposte

proposte e interventi di Cambiamo Ossona

proposta per Expo (sembra un secolo fa!) a Magenta giugno 2014


EcoFuturo  festival delle ecotecnologie


"il cibo e gli Ogm"  25 febbraio 2015
http://cambiamoossona.blogspot.it/2015/03/il-cibo-e-gli-ogm-milano-25-2-2015.html


e le adesioni:
al comitato stop ttip
(video del convegno di Abbiategrasso, promosso dal comitato dell'abbiatense)

I Verdi del territorio presenti all'incontro



e al coordinamento nazionale  SALVIAMO IL PAESAGGIO

(video) presidio in regione Lombardia in occasione della votazione della legge MangiaSuolo








Cambiamo Ossona: le iniziative

Le iniziative di Cambiamo Ossona

Agricoltura come risorsa per il rilancio socioeconomico di Ossona

un esempio per l'est ticino
interventi di:
Marina MarianiOGM cosa sono costoro?
Matteo di Mattei cascina Burattana cos'è la biodinamica? far bene alla terra, fa bene all'uomo e a tutti gli esseri viventi
Gilberto Rossi L'unione Europea come risorsa per valorizzare il nostro territorio, dalla PAC (politica agricola comunitaria) ai PLIS (parchi locali di interesse sovracomunale); proposte e soluzioni


la prima iniziativa dopo le elezioni di maggio 2014
In piazza Litta, per "riportare" la politica, la cultura e l'attualità nelle piazze, 
con l'ex cons.comunale di Sesto San Giovanni, Orazio La Corte, autore de 
"Il sistema sesto, storia di tangenti nell'ex stalingrado d'Italia" 
e il direttore di Libera Stampa Altomilanese, Ersilio Mattioni


Importante ospite di Cambiamo Ossona, già collaboratore del gruppo dei Verdi all'europarlamento, Gianluca Solera, ci ha presentato il suo ultimo libro Riscatto Mediterraneo, sulle primavere "mediterranee", dall'egitto alla spagna



http://cambiamoossona.blogspot.it/








sabato 15 agosto 2015

NO TRIVELLE nel mare ADRIATICO Roseto degli Abruzzi 11 8 2015



per i VIDEO dell'iniziativa, dei concerti di FINARDI, PERCEZIONESESTOSENSO e INCREDULOUS EYES
http://gibo7.blogspot.it/2015/08/no-triv-concerto-per-ladriatico-roseto.html


Il Parco. Tra sogno e realtà 22 3 2012 Ossona Villa Litta



Ossona Villa Comunale Piazza Litta giovedì 22 marzo 2012
Il Parco. Tra sogno e realtà
l'idea e funzione di parco, come tutela e opportunità di valorizzazione culturale del territorio
intervengono
Alfio Colombo Presidente del Parco del Roccolo
Luigi Dell'Acqua Sindaco di Ossona
Daniela Clementi Radici nel cielo
Eleonora Bonecchi comitato antidiscarica Casorezzo
Luigi Saino Urbanista, già presidente del Parco del Ticino

Dopo gli "attacchi" legislativi verso gli enti Parco, le interpretazioni di parco in "giardino" e a scopo di monetizzazione; cosa rimane della Biodiversità e della volontà popolare che portò alla nascita dei parchi in Lombardia?
Quali strategie adottare per rilanciare il ruolo dei parchi nella programmazione e definizione del nostro territorio?

Tutta la cittadinanza è invitata
in particolar modo i referenti delle associazioni ambientaliste, sociali, culturali e politiche del territorio